Tommaso Francesco, Principe di Carignano

< | Eugenio | T Carignano | Leutrum | MICCA

principe tommasoNato nel 1596, figlio di Carlo Emanuele I, principe di Carignano; fu il capostipite di questo ramo della famiglia, di cui fanno parte anche Carlo Alberto e i suoi successori 
Giovanissimo si dedic˛ alle armi e partecip˛ a importanti scontri. Spos˛, nel 1625 Maria di Borbone - Soissons.

Dopo il trattato di Cherasco (1631), preoccupato delle mire francesi sulla Savoia, fu fautore dell'alleanza con la Spagna; lasciata Parigi, dov'era ambasciatore, partý per la Fiandra e incit˛ il fratello Vittorio Amedeo a unirsi a questa e all'Impero. Scoppiata la guerra, fu sconfitto ad Avain (1635). L'anno successivo fu a capo di uno dei tre eserciti imperiali che minacciarono Parigi.

La morte di Vittorio Amedeo I parve agevolare la sua politica antifrancese, ma nel 1637 Savoia e Francia si allearono. Invano si mise a disposizione della cognata, duchessa Maria Cristina, per la difesa del paese; e quando (1638-39) temette per la successione nella sua casa, si schier˛ col fratello, Cardinal Maurizio e con gli Spagnoli, conducendo una campagna in cui occup˛ vari territori compresa Torino; ma, mal sostenuto dagli Spagnoli e minacciato dai Francesi, si riconcili˛ con la cognata e pass˛ quindi al servizio della Francia. 
Nel 1641 torn˛ ad allearsi con la Spagna, ma davanti al contegno nuovamente ambiguo di questa, concluse (1642), insieme col fratello Maurizio, la pace con la cognata e il re di Francia, ricevendo la luogotenenza di Ivrea e Biella fino a quando Carlo Emanuele II non fosse diventato maggiorenne.

A fianco dei Francesi ottenne quindi notevoli successi contro gli Spagnoli in Italia; tent˛ perfino di prendere Orbetello (1646) e di attaccare Napoli (1648) ma non riuscý nel suo intento. 
Nel 1651 la regina madre di Francia lo nomin˛ gran maestro, il difficile incarico non faceva per lui e fu restituito a Mazarino. 
Nel 1655 invase la Lombardia e tent˛ invano di occupare Pavia.
Morý a Torino nel 1656.
 

H ritorno